Senatore Gasparri, comizio… con intoppi vari

autoblu

Vari intoppi hanno costellato il comizio di oggi del Sen. Maurizio Gasparri.

In un primo momento, il comizio era stato annunciato per questa mattina alle ore 11.20. Tuttavia, pare che il PdL avesse esposto i manifesti prima di espletare le necessarie formalità, ragion per cui lo spazio mattutino è stato prenotato da FLI e da SEL, costringendo il PdL a spostare il comizio in villa comunale.

Articolo dal Correre del Giorno di oggi, 29 aprile:

MOTTOLA Veglia notturna per arrivare prima
Spostato il comizio di Gasparri: Fli e Sel “soffiano” il posto

MOTTOLA – Questa mattina, così come annunciato da giorni, si sarebbe dovuto tenere, alle ore 11,30, in piazza XX Settembre, il comizio del sen. Maurizio Gasparri del PdL, a favore del candidato sindaco del centrodestra Angelo Lattarulo. Ed, invece, a parlare in piazza ci sarà qualcun’altro.
Un preciso Regolamento prevede che le richieste di occupazione di un luogo per pubblico comizio debbano essere protocollate non prima delle 24 ore. Cosi, ha pensato bene Natale Guagnano del PdL di presentarsi, ieri mattina, alle ore 08,01 nella Caserma dei Carabinieri per far protocollare la necessaria richiesta. Troppo tardi! Qualcuno lo aveva preceduto e, per la precisione, il Fli, che ha fatto richiesta per un comizio, in piazza, dalle 10,30 alle 11,30 ed il SeL, che, questa mattina, terrà un pubblico comizio, in piazza XX Settembre, proprio dalle ore 11.30 alle 12.30, fascia di orario che – si sapeva da giorni – sarebbe stata occupata dal PdL, per dar voce al sen. Gasparri.
Ma, si sa, i mezzi e, soprattutto, i metodi utilizzati in campagna elettorale, per darsi battaglia sino alla fine, sono davvero tanti e, spesso, curiosi, come in questo caso.
«Solitamente, durante le campagne elettorali – è stato il commento del candidata sindaco del centrodestra Angelo Lattarulo – si garantisce precedenza di parola ai parlamentari nazionali, a prescinderne dall’appartenenza politica. E’ sempre stato cosi. Ed, invece, questa volta, le cose sono andate diversamente. Mi è stato, infatti, riferito, che, per assicurarsi uno spazio in piazza per questa mattina, qualcuno ha fatto persine la veglia o la ronda notturna dinanzi alla caserma dei Carabinieri, Come al solito, i ‘compagni’ avversari hanno adottato il metodo machiavellico: il fine giustifica i mezzi!».
Intanto, il comizio del sen. Gasparri si terrà, comunque, in Villa Comunale, sempre alle 11,30.

Come se questo intoppo non fosse sufficiente, questa mattina il corteo di auto blu al seguito del Sen. Gasparri, anziché dirigersi in villa comunale, ha comunque raggiunto la piazza, trovando però sul palco il candidato di SeL Franco Gentile. Ecco cosa è successo, documentato da un video realizzato da un utente Facebook e diffuso sul social network:

(se non riuscite a vedere il video, cliccate qui per raggiungere Facebook)

Il comizio del Sen. Gasparri:

You can leave a response, or trackback from your own site.

12 commenti a “Senatore Gasparri, comizio… con intoppi vari”

  1. frank scrive:

    ma che dice lattarulo? è impazzito?

  2. frank scrive:

    devi fare la battaglia ai partiti che ti appoggiano… non essere patetico e pensa ai tuoi alleati… e non ad angela!

  3. frank scrive:

    è venuto a paraculare i mottolesi… poteva farne a meno… CAMBIAMO LA LEGGE ELETTORALE… NON VOGLIAMO PIù GENTE COSì !!!

  4. miky... scrive:

    La villa nn e’ il posto che meritate….vi metterei vicino la discarica….

  5. Gianvito Caldararo scrive:

    Una volta,allorquando vi erano i partiti della cosidetta Prima Repubblica,le campagne elettorali si organizzavano nel seguente modo:
    -si individuava il responsabile/coordinatore per la raccolta delle even_
    tuali firme;
    -il responsabile per l’autentica delle firme dei candidati;
    -i presentatori delle liste;
    -il responsabile degli scrutatori e dei rappresentanti di lista;
    -il responsabile degli orari dei comizi e degli scambi di orari;
    -il responsabile per la raccolta dei dati;
    -il responsabile per i manifesti elettorali negli spazi di propaganda
    diretta e indiretta;
    -i turni di presidio della sezione.
    Tutto avveniva con una precisione di un orologio svizzero.All’epoca non vi erano i telefonini,gli sms,internet ecc.ecc.
    La stessa efficace organizzazione i politici di una volta trasferivano a livello amministrativo per la sua complessa attività.
    Oggi assistiamo ad una pletora di liste elettorali,candidati inventati,richieste carenti di spazi per la propaganda diretta e indiretta,richieste di orari tardivi e fuori tempo massimo,una enorme confusione nella propaganda,contraddizioni anche tra candidati dello stesso schieramento e lita.In una parola una improvvisazione gigantesca.La stessa improvvisazione,confusione e incertezza che registriamo a livello di amministrazione della cosa pubblica.
    Molti rimpiangono i tempi della Prima Repubblica.Io sono dell’avviso che anzichè rimpiangere i tempi passati,pensiamo a scegliere con senso di responsabilità e obiettività sia candidati maturi validi che giovani preparati e capaci.

  6. giuseppe scrive:

    gasparri è un grande: la poesia tutta d’un fiato l’ha detta. C’è ancora chi applaude questi pagliacci in auto blu…

  7. francesco scrive:

    ancora 1 volta vedo che la buon dc pl berlusca ecc dimenticano il povero tedeschi allo sfascio sanita pugliese ed anche chedanno sempre la colpa agli altri ma andate a fare avvocati e dottori se siete capaci ancora ospedali e tribunali anno carenze personali lasciate ai disoccupati e giovani le cose serie della politica

  8. Tango scrive:

    Secondo me, se il Dott. Lattarulo perderà le elezioni rischierà di ammalarsi di depressione !!!! Dottò, la vita è bella! Lei che ha avuto la fortuna di poter arrivare alla pensione,se la godi…oggi è una cosa già troppo rara !!! E poi,…se uno è stato sempre corretto con gli altri, soprattutto con chi come ha detto, una volta erano amici, non deve temere nessuno !!! Se invece ha la coda di paglia le cose cambiano !!!!Una corretta campagna elettorale va fatta presentando progetti,programmi,non accusando sempre gli altri,fanno bene a gridarvi in piazza che siete patetici !!! I veri uomini camminano con la testa alta…quando escono e si recano magari in piazza non fanno il giro di tutto il paese per raggiungere una panchina….possono passare anche davanti la sezione degli ex amici,nessuno la criticherà visto che si ritiene più corretto di tutto il resto!!!

  9. Principessa scrive:

    Possiamo sempre celebrare un “funerale” con le dovute virgolette!
    Io spero lui viva a lungo…intendiamoci….il “funerale” per la perdita delle elezioni.
    Spero che lui si godi la pensione lontano dalle attività inerenti la gestione del paese… e che pensi un po’ di più a se stesso che alla cosa pubblica.
    So che sarà consigliere…potrebbe attuare la stessa frequenza adottata in provincia….ovvero talvolta sporadica. (per usare un eufemismo)

    Chi in questi dieci ha mantenuto gli occhi APERTI….si augura un vero cambiamento!

  10. giuseppe scrive:

    che sia chiaro a tutti: il congiuntivo di godere(terza persona singolare) è GODA :)

Rispondi

Login with Facebook:
Login